www.themercysite.com
In linea dal 1998

Archivio

Archivio per la categoria ‘Related Artists’

Tom Waits a Milano (19 luglio 2008) – Teatro degli Arcimboldi

30 luglio 2008 4 commenti

Io ci sono stato sabato, l’ultima sera.

Sul prezzo mi pareva davvero esagerato. Io tutto sommato me lo potevo (quasi) permettere, con qualche piccola rinuncia (sono un ricercatore universitario da 1200 al mese, e non da 9000 euro come qualcuno ha follemente scritto sui giornali qualche giorno fa…). Ma comunque erano pur sempre 150 euro!!!! Questo spiega perché a teatro di ragazzi moltogiovani ce n’erano pochi (diciamo che si andava dai 20-25 anni in su). In ricordo dell’indimentibalibe concerto romano di Nick, ci sono andato con la maglietta di “Dig, Lazarus, Dig”.  E infatti la ragazza del botteghino ticketone, con un sorriso, mi ha chiesto com’era stato il concerto di Nick…

Sulla scaletta, beh, c’è poco da dire. Una buona selezione (soprattutto da Mule Variations, Blood Money e sul finale l’inossidabile “Rain Dogs”, ma peccato l’assenza totale di pezzi da Alice). Lie to Me da Orphans in apertura e poi, in ordine sparso: Down in the Whole, Jesus’s Gonna be here, Chocolate Jesus, House where nobody lives, Rain Dogs, Hoist that Rag, Eyeball Kid, On the Nickel (vado a memoria). Ma ci aggiungerei:
Tom Traubert’s blues (splendida)
Dirty in the ground (inattesa da Bone Machine, ….e sublime)
Bottom of the World
All the World is Green (brividi…)
Cold Cold Ground
Innocent when you Dream (cantata in coro, grande emozione…).

Piccola ombra: I primi pezzi sono stati al di sotto delle aspettative per la voce del buon vecchio (che proprio non ci arrivava), mentre dopo le cose sono decisamente migliorate. Diciamo che il concerto è andato in crescendo. Bravi i musicisti, anche se il figlio batterista non mi è parso precisissimo con il tempo. Suono volutamente impastato e oscuro, come si conviene al maestro.
Delusione sul finale, il buon (e caro…in tutti i sensi) tom ha negato un secondo bis. Per concludere, Tom ci ha dato quello che potevamo aspettarci da un vecchio mostro sacro come lui. Un ricordo per sempre, qualche piccola ombra ed infine la constatazione dei paradossi della vita: il concerto del “maledetto” Waits poeta dei reitti era infatti frequentato anche e putroppo da fighetti e fighette eurodotati in un teatro blindato, dove ti fucilavano alla prima foto scattata….

Inatteso fuori programma. Manuel Agnelli degli Afterhours in fila al bagno, che gentilmente si è fatto fotografare (nonostante la ragazza che l’accompagnava sembrasse nervosetta e facesse qualche capriccio). GRANDE!!!

Per dirla con tom, che di sogni se ne intende:

It’s such a sad old feeling
All the fields are soft and green
And it’s memories that I’m stealing
But you’re innocent when you dream

Categorie:Related Artists Tag:

Hugo Race il 20 marzo a Bergamo

25 febbraio 2006 Nessun commento

È uno dei membri fondatori dei Bad Seeds, l’inquietante band che accompagna Nick Cave. Dal 1989 ha intrapreso parallelamente una carriera solista che lo ha visto pubblicare in Europa una decina di album con la sua band True Spirit, più il doppio antologico “Long time ago”, alcuni lavori per film e alcune partecipazioni a compilations. A Bergamo, prima data italiana di un lungo tour europeo, presenterà il nuovo album “Taoist priest”.

Lunedì 20 Marzo
HUGO RACE
& TRUE SPIRIT
IN CONCERTO

@ AUDITORIUM PIAZZA della LIBERTA’
-BERGAMO-
APERTURA LOCALE: 20.30
INIZIO CONCERTO: 21:15
PREZZO BIGLIETTO: 10 euro
Per gli associati a Lab80 e possessori Giovanicard 8 €
Per tutti i concerti ingresso libero agli studenti fino alle Medie Superiori
Abbonamento 4 ingressi: 30 euro
PER INFO:
info@soffianelvento.it
(www.soffianelvento.it)
info@frameevents.com
(www.frameevents.com)

Per dar conto della fiumana di produzione artistica degli ultimi tre anni, Hugo Race si racconta così in un’intervista del dicembre 2005, durante l’ultimo tour australiano.
“Per me questi sei album sono stati un viaggio esplorativo attraverso la creatività della psiche. L’ultimo album Taoist Priests è un sorta di autoritratto multistrato, che fonde in una visione totale i suoni e gli umori dei precedenti. Taoist Priest ha inevitabilmente un sostrato politico, parla della vita in un mondo sull’orlo dell’autodistruzione, ma lo fa attraverso il rock, una musica che sfida ed estrania sempre con amore. Perché la musica è un mezzo di comunicazione privilegiato per costruire un legame tra gli uomini. Gireremo l’Europa in tour da marzo a giugno, non ne vedo l’ora.”
Prolifico e visionario, cantante/chitarrista, cantautore, produttore, dalla natia Melbourne, Hugo Race fu introdotto sulla scena internazionale come fondatore, ancora adolescente, ed elemento transeunte ma di spessore dei Bad Seeds di Nick Cave (1983). Affrancatosi dal gruppo fondò poi i The Wreckery(1985), una delle prime garage-blues band degli anni ’80.
Alla caduta del Muro, Hugo si trasferì a Berlino, dove, nel decennio successivo, incise una serie di albums con la band True Spirits e viaggiò per l’Europa. La sua personalissima visione musicale fonde i confini tra radici elementari blues e cruda elettronica, spesso descritta come ‘industrial-trance-blues’.
Sul finire degli anni ’90 Race trasferì la sua base in Sicilia e ha da allora intrattenuto un significativo rapporto con la scena underground emergente in Italia. In coppia con la cantante Marta Collica, Hugo dà il via al progetto duo Sepiatone che ha già all’attivo due album (In Sepiatone, Dark Summer). Dopo aver sbancato nel 2003 con il totemico album Gold Street Session, ultima frontiera del blues-mutation, Race nel 2004 ha presentato una surreale esplorazione del melodramma italiano con Merola Matrix, oltre allo strumentale Transfargo Mil transit prodotto dall’avanguardista etichetta svizzera Rec Rec.
Hugo Race è una figura culto, imprevedibile, brillante, ispirata.
Da non perdere!

DISCOGRAFIA ESSENZIALE
RUE MORGUE BLUES – 1989, Normal Records
EARLS WORLD – 1990, Normal Records
SECOND REVELATOR – 1991, Normal Records
SPIRITUAL THIRST – 1993, Normal Records
STATIONS OF THE CROSS – 1994, Normal Records
VALLEY OF LIGHT – 1996 – Glitterhouse
WET DREAM – 1997, Glitterhouse
CHEMICAL WEDDING – 1998, Glitterhouse
LAST FRONTIER – 1999, Glitterhouse
LONG TIME AGO – 2001, Glitterhouse

Categorie:Related Artists Tag: